.
Annunci online

 
mangoroso 
diario gastronomopoetico di un mango rosso
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Bottega siciliana
Cotto e crudo
La Cucchiarella
Cucina con me
Cucina e ricette - Cookaround.com
Fiordizucca
Frutticoltura
Il cibo a Pompei
Pianeta cucina di Marella Giovanelli
Taccuini Storici
Amuse-bouche (blog)
Cooking Methods
Electronic Gourmet
Iranian/Persian Recipes
Munchin in Manila
Shrimp & Beer
The Italian Taste
Feast light
Wine Rant (wine and food)
  cerca


scrivimi qui
Il primo post



ombra
sbloggata

Blog visuali
antisporcelli
arancia e cannella
eriadan
fotolog - Yolk's Yogurt



Ho (appena) visto

[marzo]
Dead Man
[febbraio]
Babel
[gennaio]

____________

2 0 0 7
____________

[dicembre]
*Science of Sleep
*21 Grams (DVD)
*March of the Penguins (DVD)
*Departed
*Lola rennt (DVD, VHS)
[ottobre]
*Garden State (DVD)
*Delerium
[settembre]
*Motorcycle Diaries (DVD)
*Sliding Doors (DVD)
*The Notorious Bettie Page
*La famiglia
*À la recherche de Nemo (DVD)
[giugno]
*Yellow Asphalt (DVD)
[aprile]
*Edipo Re (bis-VHS)
*Catch 22 (VHS)
*Brokeback Mountain
*Inside Man
[marzo]
*Capote
[febbraio]
[gennaio]
*Munich
*Syriana
____________

2 0 0 6
____________

[dicembre]
*Tango (DVD)
*Sotto..(solo la metà, DVD)
*¡Ay, Carmela! (DVD)
[novembre]
*Of Men and Mice (DVD)
*Affliction (DVD)
*Calendar (DVD)
[ottobre]
*The Sweet Hereafter (DVD)
*Reservoir Dogs
*Rushmore
*The Assassination (DVD)
*Frantic (DVD)
[settembre]
*The Constant Gardener
*Darwin's Nightmare
[agosto]
*Ladies in Lavender
[luglio]
*War of the Worlds
*El faro (DVD)
[giugno]
*Some Like It Hot
[maggio]
*Runaway Jury
*Mar adentro
*Finding Nemo (DVD)
[aprile]
*La mala educación
*Santitos (DVD)
[marzo]
*Segunda piel (DVD)
*El lado oscuro del corazón (DVD)
*Million Dollar Baby
[febbraio]
*La finestra di fronte (DVD)
*Allegria (bis-DVD)
[gennaio]
*The Aviator
*Johnny English
*Todo sobre mi madre
*Confidence (3a volta, DVD)
*Open Water (DVD)
____________

2 0 0 5
____________

[dicembre]
*I (*) Huckabees
*Alexander
*Ocean's Twelve
*Closer
*Finding Neverland
*I, Robot
*Collateral (DVD)
*Bourne Supremacy (DVD)
*Hidalgo (la metà)
*The Dancer Upstairs (DVD)
*Dodgeball (DVD)
*Jersey Girl (DVD)
[novembre]
*Sky Captain
*The Italian Job (DVD)
*Tesis (DVD)
*Catch me if you can (DVD)
*Owning Mahoney (DVD)
*Incredibles
*Buongiorno, notte (DVD)

Vorrei vedere
*The Crow
*The Transporter
*Cellular
*tanti film di Almodóvar
*Mar adentro
*Dancer in the Dark
*A Streetcar Named Desire
(1951)





Musica
Alegría-Cirque du Soleil
Alejandro Sanz
Amélie-les-crayons
Armin van Buuren
Astor Piazzolla
Autechre
Barbara
Binario
Blonde Redhead
Camarón de la Isla
DJ Tiësto
Gabin
Giuni Russo
Haris Alexiou
La Cabra Mecánica
Lost Witness
Martha Argerich
MIDOR
Misja Helsloot
Da regalare
Pino Donaggio
Global Interference
(Above the Sky)
Perri Klass
Joss Stone


TEMI LETTERARI E CULTURALI

Poesia (in italiano)
"La casa dei doganieri"
Poesia genovese
Ungaretti


Poesia (in spagnolo)
Pablo Neruda legge
Poesia neolatina
Saggi su Góngora
Tropos y figuras

Temi generali
Recursos didacticos en internet
Rinascmento
MC B-Virtual
Siglo de Oro
Letteratura spagnola

Miscellanea
Catulli Carmina
La smorfia napoletana
Ninon de Lenclos
www.proverbia.net
Chinese proverbs
Dichos y refranes


 

Diario | Elenco di ricette | Antipasti | Dessert | Insalate | Piatti principali | Zuppe, minestre | Meditazione mangorosa | Poesia | Dialoghi | Il mio TOP50 | MUSICA | Cinema | Per colazione | Piatti vegetariani | Pettegolezzi | Carne |
 
Antipasti
1visite.

15 aprile 2005

Spinaci con formaggio cremoso

La mia amica bulgara faceva una cosa...no, due....che ogni tanto cerco di riprodurre nella mia cucina:

1. spinaci con formaggio cremoso (da essere mangiato con del pane)
2. zuppa di pomodoro con panna

Ingredienti: molto molto molto (per farvi un'idea) olio extravergine d'oliva.  Per #1: spinaci (surgelati), formaggio cremoso, olio, sale, pepe; per #2: sugo al pomodoro, panna, basilico (se non mi sbaglio, oppure forse era origano), olio, sale, pepe.

Procedimento:  mentre lei preparava il cibo, io facevo finta di correggere i compiti degli studenti.  Anche lei aveva portato i compiti dei suoi studenti, e noi in piano accademico, abbiamo parlato di tutto meno i compiti, abbiamo mangiato e riso senza neanche toccare quello che dovevamo correggere.

Ah, la vita accademica.

Oggi ho cercato di correggere i compiti dei miei studenti, senza l'aiuto di quell'amica, che in questo momento sta sofferendo per la mancanza di tempo e per la disorganizzazione in generale... è stata proprio la punizione.  Mi sono chiesta ciò che avrò fatto loro per meritarmi tale disagio al leggere le stronzate che mettono con la speranza di ricevere qualche voto... 

È peggio di crescere dei bambini (per quello che conosco crescendo mia sorella e mio fratello); gli studenti fanno lo stesso errore anno dopo anno e la circolarità del mito di Sisifo si cancella... sì, entriamo proprio nella disperazione, stiamo raggiungendo sicuramente la fine del semestre e dell'anno scolare cui mi promette per lo meno una bella vacanza con Mango (con maiuscolo! --io sono quello con minuscolo)...e tanto tempo per scrivere la tesi, almeno fino ad agosto.

La mia amica, intanto, continuerà con il suo ritornello sulla mancanza di tempo e di soldi.  Questa volta non le chiederò indietro i quindici dollari che le ho prestato.  Perché quest'è l'ultima volta che presto dei soldi.

Ma che fame.  Andiamo a mangiare!  Chi cucinerà oggi?

[post accompagnato simultaneamente da Blonde Redhead, "In Particular"]




permalink | inviato da il 15/4/2005 alle 5:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

14 marzo 2005

La pizza di Pasqua di Peppino il Pipparolo

Associare la Pasqua ad un piatto tradizionale equivale per me a correre col pensiero a Peppino. La pizza di Pasqua al formaggio di Peppino.
Il forno di Peppino era il più importante della mia piccola cittadina. Gli aromi che si spandevano nell'aria scandivano stagioni e festività come orologi olfattivi infallibili. Pizza bianca croccante unta d'olio da portare al mare d'estate, pizzette tonde al pomodoro per la ricreazione a scuola, frappe e castagnole a carnevale, panpepati a Natale, zeppole di San Giuseppe per la festa patronale. E pizza al formaggio a Pasqua.
Peppino sardo di piccola statura e magrolino, emigrato in continente si intratteneva a lungo con mamma a parlare delle loro terre, e ti guardava da dietro gli occhialini col sorriso della fatica. La moglie pienotta dietro la cassa dai modi gentili e i capelli frutto di ore con bigodini. Sembrava nata per stare dietro una cassa.
Facevo le elementari quando alla cassa teneva un enorme barattolo di caramelline alla menta monosigillate. “3 PIP 100 lire” diceva il cartello. Questo gli valse per me e mia sorella il soprannome “Peppino il pipparolo”. Non sapevamo assolutamente cosa volesse dire ma sapevamo che era una parola da non dire, e questo la rendeva maledettamente divertente. Passavamo ore a cantilenare di nascosto da orecchie indiscrete “Peppino il Pipparolo, Peppino il Pipparolo, Peppino il Pipparolo...”.
Poi Peppino si ammalò. Diedero via il forno. Nel piccolo paesino non ne sarebbe rimasto neanche uno di qualità. Lo vedevo a passeggiare in giro in carrozzina con la moglie e la figlia. Lo salutavi e si commuoveva per niente. Non so ora come stia.
Fresco di patente avevo una macchina davanti che procedeva lentissima. Ad un certo punto si arrestò senza motivo. Almeno così mi pareva. Mi decisi a sorpassarla, inveendo. Si era fermata per far attraversare la famiglia di Peppino. Per poco non li facevo tutti secchi. Fu il mio primo ed ultimo sorpasso azzardato. Vidi dal retrovisore la figlia di Peppino lanciarmi insulti, ma non mi ha riconosciuto ed io ovviamente non mi sono mai identificato. Amici come prima.
La pizza al formaggio di Pasqua di Peppino era la migliore del mondo.

La pizza di Pasqua al formaggio
Farina - 1 kg
Pasta di pane già lievitata - 100 g
Lievito di birra - 25 g
Parmigiano grattugiato - 200 g
Pecorino di Norcia o groviera - 100 g
Uova - 6
Tuorli - 2
Strutto - 100 g
Olio extravergine d'oliva - 50 g
Burro - 100 g
Sale
Pepe

Le dosi servono per fare più pizze.
Mettere la farina in una grossa zuppiera e fare una cavità nel centro. Sciogliere la pasta di pane lievitata con una tazza di acqua tiepida e versarla nella cavità. Impastare il liquido solo con una piccola quantità di farina, sbattendo energicamente con una frusta o con la mano per qualche minuto. L'impasto deve essere molle. Coprirlo con un velo di farina e la zuppiera con un canovaccio. Mettere la zuppiera in un luogo caldo fino a quando il lievito avrà raddoppiato il suo volume.
Nel frattempo mettere le uova intere, i rossi, lo strutto e il burro a pezzetti, l'olio e il parmigiano in una pentola; regolare di sale e pepe e sbattere il tutto con una frusta o una forchetta.
Tagliare a dadini molto piccoli il pecorino o il groviera.
Quando il lievito avrà raddoppiato il suo volume, stiepidire il composto a base di formaggio e grassi a bagno maria per qualche minuto. Attenzione a non farlo scaldare troppo! Dovreste poi aspettare per poter fare le operazioni successive e il gusto ne risentirebbe.
Aggiungere il composto alla farina con il lievito e unire anche il lievito di birra sbriciolato e il pecorino. Amalgamare velocemente il tutto con le mani e trasferirlo sulla spianatoia infarinata. Lavorare l'impasto per circa 15 minuti ottenendo una massa elastica. Aggiungere farina, se necessario.
Ungere uno o più stampi a bordi alti; porre la pasta nell'interno facendo attenzione che non superi la metà. Far lievitare l'impasto in un luogo caldo e lontano dalle correnti d'aria fino a quando non raggiunge il bordo.
Cuocere in forno preriscaldato a 200°C per circa un'ora o fino a quando la superficie non è ben dorata.
Lasciarla raffreddare prima di toglierla dallo stampo.
È molto buona fredda.
Servire con salumi affettati e uova sode.

(Ricetta presa qui)
eCarta per Manghissima




permalink | inviato da il 14/3/2005 alle 16:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

8 novembre 2004

Olive nere, sambal


O, olive della mia infanzia.  Può sorprendere che una famiglia coreana abbia sempre avuto una bottiglia enorme di olive in casa.  Ma sempre verdi: la mia passione per le olive di tutti i colori è una mia caratteristica.  Tutti dicono nella mia famiglia che sono moooooolto diversa da loro, e nessuno riconosce che molte cose vengono da mio padre.  Sarà sicuramente per il culto della mamma.......


Quindi....la ricetta: olive mature, aglio (tagliato a pezzi grossi), salsa di soia, un "poquitico" di sambal (una salsa piccante) ed olio d'oliva

Mi ricordo ancora le cose surreali che sono capitate quella sera in cui ho assaggiato questa ricetta (l'ho imparata dalla moglie polacca del professore di linguistica di un mio amico, coinquilino in quei tempi di un altro mio amico, da chi ho imparato l'italiano ed il mangiarbene!)




permalink | inviato da il 8/11/2004 alle 5:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

15 ottobre 2004

Sardine al limone e coriandolo



Ingredienti: sardine all'olio, salsa di soia, limone, scalogno, coriandolo

Procedimento: mettere i contenuti di una scatola in una pentola piccola; friggere a fuoco lento; aggiungere un po' di salsa di soia (s'intende non più di un cucchiaio da tè, o aggiustandosi secondo il gusto....), limone (anche meglio se si usa il lime), scalogno tagliato molto fino e il coriandolo tritato.

Mangiare col pane come antipasto...

È un sacco di tempo che non preparo le sardine in questa maniera!! 




permalink | inviato da il 15/10/2004 alle 19:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo